Caricamento

Kit Sonda Temperatura Esterna con Connettore Beretta 1100439

1100439 - 20008401

Nuovo prodotto

Spedito domani lavorativo

Partita IVA? Paga comodamente dopo la consegna

La sonda di temperatura esterna rende possibile la regolazione AUTOMATICA dell’acqua di mandata riscaldamento in funzione della temperatura esterna. Questa funzione denominata TERMOREGOLAZIONE è attivabile attraverso l’impostazione di alcuni parametri.

SCHEDA TECNICASCHEDA CONNETTORE

Maggiori dettagli

Con l'acquisto di questo prodotto è possibile raccogliere fino a 2 Punti fedeltà. Il totale del tuo carrello 2 points può essere convertito in un buono di € 0.40.


€ 41.48 tasse incl.

Aggiungi alla lista dei desideri

Metodi di Pagamento
Metodi di Pagamento
  • Dettagli

Istruzioni installazione e rogolazione sonda (kit sonda + connettore scheda caldaia)

La sonda funziona in abbinamento al pannello di controllo della caldaia

VERIFICA PRELIMINARE

Prima di collegare in caldaia la sonda esterna è possibile effettuare la seguente verifica; accedere alla funzione INFO disponibile sull’interfaccia utente. Fare riferimento alle istruzioni tecniche di caldaia per identificare questo tasto. Premendo questo tasto, quando la sonda esterna non è collegata, nell’informazione relativa alla sonda esterna sono presenti dei tratti in luogo della temperatura. Questo evidenzia che la scheda di regolazione presente in caldaia non rileva il collegamento della sonda esterna.

INSTALLAZIONE E ALLACCIAMENTO DELLA SONDA ESTERNA
La sonda deve essere installata su una parete esterna all’edificio che si vuole riscaldare avendo l’accortezza di rispettare le seguenti indicazioni:
- deve essere montata sulla facciata più frequentemente esposta al vento, parete posta a NORD o NORD-OVEST evitando l’irraggiamento diretto dei raggi solari;
- deve essere montata a circa 2/3 dell’altezza della facciata;
- non deve trovarsi in prossimità di porte, finestre, scarichi di condotto d’aria o a ridosso di canne fumarie o altre fonti di calore.
Il collegamento elettrico alla sonda esterna va effettuato con un cavo bipolare con sezione da 0.5 a 1 mm2, non fornito a corredo, con lunghezza massima di 30 metri. Non è necessario rispettare la polarità del cavo da allacciare alla sonda esterna. Evitare di effettuare giunte su questo cavo; nel caso fossero necessarie devono essere stagnate ed adeguatamente protette.
Eventuali canalizzazioni del cavo di collegamento devono essere separate da cavi in tensione (230V a.c.)

FISSAGGIO AL MURO DELLA SONDA ESTERNA
La sonda va posta in un tratto di muro liscio; in caso di mattoni a vista o parete irregolare va prevista un’area di contatto possibilmente liscia. Svitare il coperchio di protezione superiore in plastica ruotandolo in senso antiorario. Identificare il luogo di fissaggio al muro ed eseguire la foratura per il tassello ad espansione da 5x25.
Inserire il tassello nel foro. Sfilare la scheda dalla propria sede. Fissare la scatola al muro utilizzando la vite fornita a corredo.
Agganciare la staffa e serrare la vite. Svitare il dado del passacavo, introdurre il cavo di collegamento della sonda e collegarlo al morsetto elettrico. Ricordarsi di chiudere bene il passacavo per evitare che l’umidità dell’aria entri attraverso l’apertura dello stesso. Infilare nuovamente la scheda nella sede. Chiudere il coperchio di protezione superiore in plastica ruotandolo in senso orario. Serrare molto bene il passacavo.

COLLEGAMENTO ELETTRICO DEL CAVO DELLA SONDA ESTERNA ALLA CALDAIA
Fare riferimento alle istruzioni tecniche della caldaia per apprendere le modalità di smontaggio del mantello della caldaia e di accesso al coperchio del cruscotto.
È disponibile un collegamento a morsetto dove possono essere collegati i due fili della sonda esterna.

VERIFICA FINALE
Collegata la sonda esterna alla caldaia è possibile verificare attraverso la funzione INFO che il collegamento è stato riconosciuto automaticamente dalla scheda di regolazione. Premendo questo tasto, con sonda esterna collegata, nell’informazione relativa alla sonda esterna è presente il valore reale della sonda esterna. È normale che nel periodo appena successivo all’installazione il valore letto dalla sonda presenti valori superiori ad un’eventuale sonda di riferimento.

IMPOSTAZIONE DEI PARAMETRI DISPONIBILI PER LA TERMOREGOLAZIONE
La TERMOREGOLAZIONE viene attivata e ottimizzata impostando i seguenti parametri:

Per le modalità di accesso alla funzione programmazione fare riferimento alle istruzioni tecniche della caldaia.

TIPO DI EDIFICIO

Il sistema di regolazione, per l’elaborazione del valore della temperaturadi mandata, non utilizza direttamente il valore della temperatura esterna misurato, ma tiene conto dell’isolamento termico dell’edificio: negli edifici ben coibentati, le variazioni di temperatura esterna influenzano meno la temperatura ambiente rispetto agli edifici scarsamente coibentati Il livello di isolamento termico dell’edificio si imposta attraverso il parametro 3, secondo lo schema allegato

MASSIMA E MINIMA TEMPERATURA DI MANDATA.
Sono disponibili due parametri che permettono di limitare la tempe- ratura di mandata prodotta automaticamente dalla funzione TERMOREGOLAZIONE. Il PARAMETRO 21 determina la MASSI- MA TEMPERATURA DI MANDATA (MASSIMO SET POINT RISCALDAMENTO) e il PARAMETRO 22 determina la MINIMA TEMPERATURA DI MANDATA (MINIMO SET POINT RISCALDAMENTO).

ATTIVAZIONE FUNZIONETERMOREGOLAZIONE
Il collegamento della sonda di temperatura esterna in unione al valo- re del PARAMETRO 44 permette i seguenti modi di funzionamento: SONDA ESTERNA COLLEGATA e PARAMETRO 44 = 0 (OFF) inquesto caso la TERMOREGOLAZIONE è disabilitata pur essendo collegata la sonda esterna. Con la funzione INFO è comunque pos- sibile vedere il valore della sonda esterna. Non sono visualizzati simboli associati alla funzione TERMOREGOLAZIONE.
SONDA ESTERNA COLLEGATA, PARAMETRO 44 = 1 (ON) in questo caso la TERMOREGOLAZIONE è abilitata . Con la funzio- ne INFO è possibile vedere il valore della sonda esterna e sono visualizzati simboli associati alla funzione TERMOREGOLAZIONE.

SCELTA DELLA CURVA DI COMPENSAZIONE CLIMATICA
La curva di compensazione del riscaldamento provvede a mantenere una temperatura teorica di 20°C in ambiente per temperature esterne comprese tra +20°C e –20°C. La scelta della curva dipende dalla temperatura esterna minina di progetto (e quindi dalla località geografica) e dalla temperatura di mandata progetto (e quindi dal dal tipo di impian- to) e va calcolata con attenzione da parte dell’installatore, secondo la seguente formula:
P. 45 = 10 x
T. mandata progetto -20
20- T. esterna min. progetto

TIPO RICHIESTA DI CALORE

SE ALLA CALDAIA È COLLEGATO UN TERMOSTATO AMBIENTE IMPOSTARE IL PARAMETRO 51 = 0.
La richiesta di calore viene effettuata dalla chiusura del contatto del termostato ambiente, mentre l’apertura del contatto determina lo spento. La temperatura di mandata è calcolata automanticamente dalla caldaia, l’utente può comunque interagire con la caldaia. Agen- do sull’interfaccia per modificare il RISCALDAMENTO non avrà disponibile il valore di SET POINT RISCALDAMENTO ma un valore che potrà impostare a piacere tra +5 e –5°C. L’intervento su questo valore non modifica direttamente la temperatura di mandata ma agisce nel calcolo che ne determina il valore in maniera automatica variando nel sistema la temperatura di riferimento ( 0 = 20°C).

Nelle caldaie in cui è attiva la funzione BOOSTER se viene rilevata una chiusura per lungo tempo del TERMOSTATO AMBIENTE la caldaia in maniera automatica produce un incremento della tempe- ratura di mandata che va a sovrapporsi all’effetto della termoregolazione. All’apertura del TERMOSTATO AMBIENTE la caldaia in maniera automatica ritorna al valore determinato dalla funzione TERMOREGOLAZIONE.

SE ALLA CALDAIA È COLLEGATO UN PROGRAMMATORE ORARIO IMPOSTARE IL PARAMETRO 51 = 1.
A contatto chiuso, la richiesta di calore viene effettuata dalla sonda di mandata, sulla base della temperatura esterna, per avere una temperatura nominale in ambiente su livello GIORNO (20 °C).  L’apertura del contatto non determina lo spento ma una riduzione (traslazione parallela) della  curva climatica sul livello NOTTE (16°C). La temperatura di mandata è calcolata automaticamente dalla caldaia, l’utente può comunque interagire con la caldaia.
Agendo sull’interfaccia per modificare il RISCALDAMENTO non avrà disponibile il valore di SET POINT RISCALDAMENTO ma un valore che potrà impostare a piacere tra +5 e –5°C.
L’intervento su questo valore non modifica direttamente la tempe- ratura di mandata ma agisce nel calcolo che ne determina il valore in maniera automatica variando nel sistema la temperatura di riferimento ( 0 = 20°C, per il livello GIORNO; 16 °C per il livello NOTTE).

UTILIZZO DI TERMOREGOLATORI ESTERNI SONDA ESTERNA COLLEGATA, PARAMETRO 44 = 0 e PARAMETRO 51 = 0 o 1.
È possibile utilizzare TERMOREGOLATORI esterni che possono essere collegati a queste schede elettroniche attraverso un collegamento OPENTHERM PLUS. In questo caso collegare la sonda esterna ma disabilitare la TERMOREGOLAZIONE prevista dalle schede portando il PARAMETRO 44 = 0 (OFF). La scheda potrà trasferire il valore della sonda esterna istantanea direttamente al TERMOREGOLATORE ESTERNO che restituirà alla scheda la temperatura di mandata dell’impianto secondo i propri criteri di calcolo. La scheda manterrà comunque i propri limiti di funzionamento del- la temperatura di mandata determinati dal PARAMETRO 21 (MAS- SIMA TEMPERATURA DI MANDATA (MASSIMO SET POINT RI- SCALDAMENTO)) e dal PARAMETRO 22 (MINIMA TEMPERA- TURA DI MANDATA (MINIMO SET POINT RISCALDAMENTO)).
L’utente dovrà interagire con il TERMOREGOLATORE ESTERNO con le regole previste da quest’ultimo. Si rimanda quindi alle istruzioni d’uso del TERMOREGOLATORE scelto. Se attivata con il PARAMETRO 51 può essere utilizzata ancora la variazione di SET parallela (PARALLEL SHIFT) con le regole viste in precedenza e nelle caldaie in cui è attiva la funzione  BOOSTER questa può sommarsi a quando determinato dalla TERMOREGOLAZIONE esterna.

COLLEGAMENTO ELETTRICO DEL CAVO DELLA SONDA ESTERNA ALLA CALDAIA
Fare riferimento alle istruzioni tecniche di caldaia per l’accesso alla scheda.
Collegare il cavo della sonda esterna come indicato in figura.
Inserire il connettore contenuto nel kit nella posizione CN6 (1-2) della scheda elettronica di caldaia.


REGOLAZIONE
La termoregolazione viene automaticamente abilitata/disabilitata con il solo collegamento/scollegamento della sonda esterna
Effettuare la regolazione del TRIMMER P3 sulla scheda di caldaia.
I valori relativi alle curve di compensazione climatica sono: 1.0 - 1.5 – 2.0 – 2.5 – 3.0 per impianti standard.
Scegliere il settore più adeguato in base al calcolo effettuato ruotando il TRIMMER P3.

L’installatore può scegliere una curva diversa in base alla propria esperienza.
Il sistema di regolazione, per l’elaborazione del valore della temperatura di mandata, non utilizza direttamente il valore della temperatura esterna misurato ma effettua una media di questo valore in modo da compensare variazioni repentine dello stesso dovute a fenomeni incoerenti.

Le immagini sono fornite dal produttore e sono indicative.